Non l’ho mai incontrata Anna – non personalmente – eppure è come se avessi letteralmente camminato con lei e i suoi famigliari lungo il terribile percorso della SLA.

Non è il momento di troppe parole che – pur dal profondo dell’anima – potrebbero suonare ridondanti, ora.

L’abbraccio forte che ho dato al mio grande amico nonché suo marito, è per tutta la sua splendida famiglia. Racchiude l’amicizia, la gratitudine e la compartecipazione al loro dolore che anch’io porto nel cuore.

Buon viaggio, Anna. Non ti dimenticherò.

Vi voglio bene.

SLAffanculo!

Nicolò

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy